Close

Diritti LGBTQ+ in Egitto: niente di buono all’ombra delle piramidi

Le persone LGBTQ+ egiziane vivono una condizione estremamente drammatica: lasciate sole a fronteggiare le istituzioni, immerse in un contesto conservatore che le lascia ai margini della società. Negli ultimi anni, inoltre, quella che era una generale tendenza da parte dello Stato alla discriminazione, laddove possibile (non esistendo, in Egitto, una legge che punisca il “reato di omosessualità” o leggi affini), si è trasformato in un vero e proprio atteggiamento persecutorio attraverso norme emanate appositamente per colpire le minoranze sessuali. Senza il riconoscimento delle unioni per persone dello stesso sesso, senza una disciplina per l’omogenitorialità, senza tutele e politiche in favore delle persone transgender e delle altre minoranze sessuali, l’Egitto è ora più che mai un Paese profondamente avverso alla comunità LGBTQ+.

Quadro Legislativo e Impatto nella Società Civile

Come è stato già detto, il Codice Penale egiziano non accoglie al suo interno uno specifico divieto per le relazioni omosessuali o il travestitismo. Fino al 2000, le azioni contro le persone queer egiziane sono state portate avanti impugnando la legge n. 10 del 1961, la “legge sulla depravazione”, che prevede “pene fino a 17 anni di carcere per la pratica abituale della depravazione”. È tuttavia col nuovo millennio che lo Stato egiziano inaugura una serie di meccanismi legali basati su giurisprudenza e interpretazioni delle norme attraverso i quali sferrare colpi alla comunità LGBTQ+. Si afferma, infatti, la pratica della raccolta di prove online, ampiamente messa in atto dalle autorità del Paese. In pratica una divisione speciale del Ministero dell’Interno, la Direzione per la Protezione della Morale Pubblica, crea apposite trappole online su app o siti d’incontri per avere in seguito il pretesto per perseguire penalmente chiunque vi cada dentro. È in quegli anni di rinnovata intolleranza verso le minoranze sessuali che si sviluppa il caso dei Cairo 52: 52 uomini arrestati nel maggio del 2001 a bordo del nightclub galleggiante Queen Boat, ancorato sul Nilo al Cairo. Gli uomini, dichiaratisi tutti innocenti, si trovarono loro malgrado al centro dell’attenzione mediatica nazionale –  con giornali e riviste che pubblicarono i loro nomi e gli indirizzi di casa – e internazionale – con diverse ONG, membri del Congresso statunitense e le Nazioni Unite che denunciarono la scorrettezza dei procedimenti messi in atto. Quegli uomini, infatti, furono costretti a subire percosse ed esami fisici atti a “dimostrare la loro omosessualità”, rimanere per ore in piedi in celle anguste senza letti ed altre privazioni dei diritti umani. Il processo, conclusosi nel marzo 2003, portò alla condanna a 3 anni di prigione per 21 di loro, mentre i restanti vennero rilasciati.

Questo forte atteggiamento discriminatorio da parte delle Istituzioni ha subito un ulteriore slancio con la presidenza di Al-Sisi, iniziata nel 2014. Secondo quanto riportato dall’Egyptian Initiative for Personal Rights, che è fra le poche realtà in Egitto a riconoscere i diritti LGBTQ+, fra il 2000 e il 2013 gli arresti legati all’omosessualità sarebbero 14. Dal 2013 al 2017 la media annuale sale a 66 arresti, con picchi di 75 nel 2017 e 92 nel 2019.

Da marzo 2020, la situazione delle persone LGBTQ+ egiziane è ulteriormente peggiorata. Da questo momento in poi, i casi riguardanti le minoranze sessuali sono stati ricondotti alle violazioni della legge sulla criminalità informatica, con un consequenziale inasprimento delle multe e delle pene. Questa disciplina, infatti, dal 2019 è di competenza dei tribunali economici e si trova all’interno di un ambito in cui le definizioni sono molto vaghe, ambigue, aperte a più interpretazioni, la maggior parte delle quali usate a sfavore della comunità LGBTQ+. Se prima le condanne per depravazione si risolvevano in multe da 300-400 lire egiziane o reclusioni dai 3 ai 6 mesi, le nuove norme prevedono sanzioni fino a 100 mila lire egiziane e pene detentive di due anni minimo, come spiega Afsaneh Rigot, ricercatrice ed esperta in dati digitali e comunità LGBTQ+, che aggiunge: “Il quadro repressivo sempre più sofisticato e creativo che l’Egitto usa per criminalizzare la comunità LGBTQ+ minaccia non soltanto gli egiziani, ma anche tutte le persone LGBTQ+”.

Percezione e Status Sociale

Un quadro legislativo repressivo come quello appena descritto non può far ben sperare sul trattamento che le persone LGBTQ+ ricevono in Egitto e infatti le minoranze sessuali egiziane sono estremamente marginalizzate all’interno della società. Questa avversione della popolazione egiziana, abbracciata in toto dalle istituzioni statali, affonda le sue radici nel conservatorismo di matrice religiosa islamica e cristiana (le due confessioni principali del paese). Il pretesto principale che viene invocato a giustificazione della persecuzione in atto verso la comunità LGBTQ+ è infatti quasi sempre la preservazione degli usi e della morale del Paese che sono sempre il riflesso dei costumi religiosi imposti dall’Islam e dal Cristianesimo. Non è sempre stato così però.

L’Egitto è stato la casa di una delle più grandi e avanzate civiltà del mondo antico che ha lasciato alle sue spalle maestose tracce del suo passaggio a perenne monito dell’ingegno e della creatività umana. Fra queste ritroviamo, purtroppo, poche testimonianze di come venisse vissuta l’omosessualità presso gli antichi egizi ma quello che ci è arrivato ci permette di fare alcune speculazioni: il ritrovamento di un cumulo tombale dedicato a quelli che sembrano in tutto e per tutto due amanti uomini, la presenza di personaggi e comportamenti omosessuali nella mitologia con le divinità Seth e Horus più altre testimonianze storiche più o meno affidabili sulle tendenze sessuali di alcuni faraoni (Pepi II nello specifico) sono tutti fattori che ci portano a dedurre che l’omosessualità di per sé non fosse condannata e fosse anche vissuta senza particolari preoccupazioni. Una condanna, al massimo, era riservata al partner passivo all’interno della relazione sessuale per aver “rinunciato” alle sue prerogative maschili ed essersi così “abbassato” al livello femminile, un atteggiamento che fa capo a una visione delle relazioni interpersonali più maschilista e patriarcale che esplicitamente omofoba.

Al di là della sua origine, l’odio omofobico e transfobico è notevolmente presente nella società egiziana, perfettamente integrato fra i meccanismi che ne regolano il funzionamento. Se abbiamo già visto, da un lato, l’atteggiamento delle istituzioni, dall’altro troviamo i media egiziani che, in accordo con la linea seguita dal governo, trattano i casi di minoranze sessuali con linguaggio violento e marginalizzante, diffondendo intolleranza e discriminazione, mentre sulle pagine dei giornali o all’interno degli studi televisivi non si trovano mai campagne di sensibilizzazione sulla salute sessuale, le malattie sessualmente trasmissibili o sui diritti civili. A partire dalle abitazioni private per finire coi palazzi del potere, l’Egitto sembra intenzionato a mettere bene in chiaro che nel Paese non c’è spazio per le persone LGBTQ+.

Un perfetto esempio della linea repressiva intrapresa dall’Egitto è costituito dal caso della Bandiera Arcobaleno, avvenuto a fine settembre 2017. Durante un concerto della band libanese Mashrou’ Leila al Cairo, alcuni giovani egiziani sono stati ripresi a sventolare una bandiera arcobaleno e il video è diventato subito virale. I media e i giornali che hanno riportato la notizia hanno subito spinto per una risposta autoritaria da parte delle autorità riportando informazioni personali dei giovani coinvolti. In risposta alla campagna diffamatoria, le istituzioni egiziane si sono mosse mettendo in atto una campagna di arresti basati sul presunto orientamento sessuale degli arrestati o tramite imboscate online che ha portato al fermo di 84 persone, alcune delle quali hanno subito test medici anali umilianti. Due degli individui fermati, Sarah Hegazi e Ahmed Alaa, ricevettero accuse per 15 anni di reclusione, furono trattenuti per tre mesi e in seguito rilasciati su cauzione. Le conseguenze dell’incidente furono disastrose sulla comunità LGBTQ+ egiziana costringendo molti giovani ad abbandonare il paese. I media continuano imperterriti a promuovere l’odio e la persecuzione verso le minoranze sessuali quando succede il contrario la risposta delle autorità è immediata: nel 2019 il presentatore tv Mohamed El Gheiti è stato incarcerato per un anno per aver ospitato un uomo gay nel suo programma. Inoltre, il 13 marzo 2020, dopo alcuni tentativi non andati a buon fine, la scrittrice e attivista lesbica Sarah Hegazi, che aveva sventolato la bandiera arcobaleno nel 2017 dando il via all’incidente, si è tolta la vita per via di una grave depressione sviluppata a seguito delle torture e delle molestie ricevute durante i mesi di detenzione in Egitto. 

La sua morte e le sofferenze di tutta la comunità LGBTQ+ egiziana sono il segnale più grande di quanto la macchina oppressiva e violenta messa in moto in Egitto continua ancora oggi a fare vittime, sotto l’occhio apparentemente attonito della comunità internazionale.

Se ti è piaciuto l’articolo, CondividiCi!

Gianmarco Cristaudo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Leave a comment
scroll to top